Calcoli renali sintomi

Sintomi calcoli renali

La maggior parte dei calcoli renali è di piccole dimensioni, non provoca sintomi e vengono espulsi spontaneamente. Di contro, calcoli di grosse dimensioni, possono causare una ostruzione urinaria e generare dolore. La dimensione del calcolo non è sempre correlata con la intensità e la gravità del dolore.

banner-brea-calcolosi

Il dolore viene generalmente determinato dallo spostamento del calcolo nell’ambito del tratto urinario e la posizione del calcolo ed il suo avanzamento causano il tipo di sintomi. Quando un calcolo si blocca nell’uretra impedendo la minzione viene generato un dolore molto acuto. Il dolore tipico della calcolosi renale è la colica renale.

La colica renale viene tipicamente riferita dal paziente come un dolore acuto che insorge al fianco, alla schiena e/o dell’addome inferiore. Il dolore spesso inizia improvvisamente e poi si sposta diventando più intenso col tempo. L’area interessata può anche diffondersi fino ad includere l’inguine e la pelvi. Il dolore può essere costante o intermittente e presentarsi sotto forma di spasmi lancinanti ad intervalli di dieci minuti. In alcuni casi il dolore può durare per un tempo prolungato con intensità variabile a seconda dello spostamento del calcolo.

Altri sintomi causati dai calcoli renali riguardano la sfera urinaria ed includono i seguenti:

  • dolore durante la minzione (stranguria)
  • urina schiumosa
  • urina purulenta
  • sensazione di urgenza
  • sangue nelle urine

È consigliabile consultare un medico se si soffre di uno dei seguenti sintomi:

  • nausea
  • vomito
  • brividi
  • febbre

Questi sintomi sono suggestivi di una infezione, pericolosa complicanza della calcolosi.

Calcoli Renali Sintomi
Calcoli renali sintomi

 

Non sempre un dolore al fianco è causato da un calcolo renale.

La diagnosi differenziale si basa sulle caratteristiche cronologiche del dolore. Tipicamente, un dolore da calcoli ai reni insorge o nelle ore notturne o di prima mattina: ciò è dovuto al fatto che un individuo non urina durante la notte e, pertanto, l’assenza di minzione cosente al calcolo di ostruire le vie urinarie e provocare uno spasmo ureterale.