MIGLIORA LA TUA EREZIONE CON LE ONDE D’URTO

Perché le onde d’ urto per la disfunzione erettile?
Proprietà delle onde d’ urto
Indicazioni delle onde d’ urto nella disfunzione erettile
Svolgimento del trattamento

Perché le onde d’ urto per la disfunzione erettile? (torna su)

La disfunzione erettile è una diffusissima disfunzione sessuale maschile. Per oltre 20 anni, la terapia di prima linea di questa patologia si è fondata sulla somministrazione di farmaci orali appartenenti alla classe degli inibitori delle fosfodiesterasi di tipo 5. La famosa pillola blu, introdotta nel 1998, è stata il capostipite di questa classe di farmaci. Alla pillola blu  si sono aggiunte successivamente altre molecole nel corso degli anni

Questi farmaci, seppur  efficaci nel miglioramento dell’ erezione, non rappresentano un approccio curativo definitivo per la disfunzione erettile e riducono notevolmente la spontaneità del rapporto, obbligando il paziente a pianificare la propria attività sessuale. In più, molti uomini smettono di assumere questi farmaci sia per il loro alto costo, sia soprattutto per l’ insorgenza di effetti collaterali non sempre tollerabili (arrossamento del viso e degli occhi, congestione nasale, dolori articolari, bruciore gastrico etc). Il principale punto debole dei farmaci orali risiede nel loro effetto transitorio e palliativo: non rappresentano un rimedio definitivo per i problemi di erezione. Per oltre 20 anni gli uro-andrologi di tutto il mondo si sono sentiti ripetere dai loro pazienti sempre le stesse domande: “dottore, dovrò prendere il farmaco a vita?”, oppure “ma come? sono così giovane e già sono costretto a prendere la pillola pur di poter fare l’ amore?”. Molto spesso l’ assunzione dei farmaci orali induce negli uomini un senso di ansia e di sconforto che, invece di risolvere i problemi, li aggrava ulteriormente. Altri tipi di cure per la disfunzione erettile come la terapia intracavernosa e l’ impianto di una protesi peniena  non sono riusciti ad avere successo per la loro invasività e per gli alti costi. E’ per questo che la tecnologia applicata alla salute sessuale maschile si è indirizzata nella  ricerca di un metodo per migliorare l’ erezione che fosse definitivo, duraturo nel tempo e non invasivo.

Terapia con onde d’ urto a bassa intensità per la disfunzione erettile

Proprietà delle onde d’ urto (torna su)

Le onde d’ urto o, come si definiscono in inglese, le shockwaves, sono onde acustiche che generano impulsi di pressione. Le onde d’ urto ad alta e media intensità sono state già ampiamente impiegate in vari campi della medicina, quali l’ ortopedia per la cura delle patologie dei tendini e la stessa urologia per il trattamento dei calcoli renali. Le onde d’ urto che vengono impiegate per la cura dei problemi di erezione sono caratterizzate da una bassa intensità, ed è per questo che vengono definite con acronimo inglese LI-ESWT (Low Intensity – Extracorporeal ShockWave Therapy), ossia terapia extracorporea con onde d’ urto a bassa intensità. Questo tipo di terapia è dotata di proprietà angiogeniche, ossia riesce a migliorare l’ afflusso sanguigno, il meccanismo fondamentale su cui si basa l’ erezione. Le onde d’ urto sono in grado di aumentare l’ afflusso sanguigno determinando ripetuti microtraumi a livello delle membrane cellulari. Tali traumi  provocano a loro volta il rilascio di fattori angiogenici e il reclutamento di cellule progenitrici endoteliali circolanti. Per questa loro azione, le onde d’ urto sono state impiegate con successo per le patologie vascolari, la guarigione delle ferite croniche e per la cardiopatia ischemica. Grazie alla loro azione angiogenica che induce il miglioramento della vascolarizzazione locale, le onde d’ urto vengono impiegate oggigiorno con ottimi risultati per la terapia definitiva della disfunzione erettile di origine vascolare. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che le onde d’ urto migliorano le prestazioni sessuali incrementando il flusso sanguigno a livello del pene. I benefici di questa terapia hanno peraltro la capacità di durare nel tempo. Inoltre, studi scientifici hanno dimostrato  che i pazienti in cui la terapia con farmaci orali era precedentemente inefficace, sono diventati responsivi a tali farmaci dopo essere stati sottoposti ad un ciclo di terapia con onde d’ urto. Quest’ ultimo elemento è di fondamentale importanza, dal momento  che in passato i pazienti che non rispondevano alla terapia orale erano costretti a essere sottoposti ad impianto chirurgico di una protesi peniena pur di svolgere attività sessuale. A testimonianza della sua efficacia dimostrata in numerosi studi clinici prospettici randomizzati, la terapia con onde d’ urto a bassa intensità è stata oggigiorno inclusa, quale trattamento di prima linea nella disfunzione erettile di tipo vascolare, nelle linee guida delle due maggiori società scientifiche urologiche mondiali: la Società Americana di Urologia (AUA) e l’ Associazione Europea di Urologia (EAU).

Indicazioni delle onde d’ urto nella disfunzione erettile (torna su)

Le onde d’ urto per la disfunzione erettile sono state inizialmente sperimentate in Israele. Successivamente, sono stati condotti numerosi studi clinici che hanno dimostrato che questa terapia è in grado di migliorare l’ afflusso ematico al pene determinando un incremento dei parametri emodinamici al doppler penieno, l’ esame ecografico comunemente usato per diagnosticare una disfunzione erettile di origine vascolare. La terapia con onde d’ urto è in grado di indurre angiogenesi, rigenerazione dei nervi, reclutamento delle cellule progenitrici endoteliali, miglioramento della funzionale dell’endotelio e inibizione della fibrosi dei corpi cavernosi. Inoltre, aspetto fondamentale,  non sono mai stati segnalati effetti collaterali avversi associati a questo tipo di trattamento.  Esistono vari tipi di protocolli terapeutici che possono essere impiegati per la terapia con onde d’ urto. Tali protocolli variano a seconda del tipo di sonda utilizzabile (focale o lineare), periodicità del trattamento (una volta a settimana o bisettimanale) e durata del trattamento. Gli studi effettuati hanno dimostrato che i risultati migliori sono ottenibili con cicli di trattamento frequenti e di lunga durata. In particolare il miglior protocollo sperimentato consiste in 12 sessioni cadenzate nell’ arco di 9 settimane. Un altro studio ha dimostrato che eseguendo dei cicli di trattamento ulteriori era possibile migliorare gli effetti terapeutici in pazienti inizialmente non responsivi alle onde d’ urto. Tuttavia, sono stati studiati anche protocolli LI-ESWT più brevi, particolarmente utili per pazienti meno motivati e con poco tempo a disposizione. Anche questi protocollo brevi hanno dimostrato risultati favorevoli. Altri fattori molto importanti da considerare sono la quantità di energia da erogare e il numero di colpi da somministrare per ogni seduta di trattamento. Infatti, una dose di energia eccessivamente alta può essere controproducente, dal momento che può causare danno al tessuto penieno con conseguente peggioramento della funzionalità erettile. E’ per questo che vengono utilizzate onde d’ urto a bassa intensità. Inoltre, distribuire la quantità di energia da erogare sul tessuto penieno tramite un maggior numero di colpi, è un altro fattore in grado di migliorare gli effetti del trattamento. Alla luce di quanto esposto è pertanto fondamentale rivolgersi per questo tipo di terapia ad un andrologo certificato, che abbia l’ esperienza e l’ abilità di  personalizzare il trattamento tenendo in considerazione svariati fattori: tipo e gravità del problema di erezione, aspettative e motivazione del paziente, terapie accessorie in grado di migliorare l’ efficacia della terapia con onde d’ urto.

In conclusione, se paragonata con terapie di seconda e terza linea per la disfunzione erettile quali  l’ iniezione intracavernosa e l’impianto chirurgico di protesi peniene, la terapia con onde d’ urto ha  il vantaggio di essere non invasiva e di assicurare effetti permanenti e duraturi. Questo tipo di terapia trova la sua indicazione principale nel trattamento dei pazienti affetti da disfunzione erettile di tipo vascolare. Anche i pazienti sottoposti a prostatectomia radicale con risparmio dei nervi possono essere trattati con le onde d’ urto.

 

Svolgimento del trattamento (torna su)

Prima di essere sottoposto al trattamento con onde d’ urto il paziente deve essere inizialmente visitato dallo specialista uro-andrologo. Se il medico conferma l’ indicazione, la prima seduta di trattamento potrà tranquillamente svolgersi in occasione della prima visita. Il paziente viene invitato a sdraiarsi sul lettino medico. Successivamente, tramite l’ utilizzo di un manipolo, gli impulsi vengono somministrati su tutto il pene. A tale scopo il pene viene anatomicamente suddiviso in 6 aree: base del pene destra, base del pene sinistra, pene distale destro, pene distale sinistro, crura destra, crura sinistra. Ciascuna area riceve una media di 500 impulsi per ogni seduta di trattamento per un totale di 3000 colpi. Il trattamento sull’ asta del pene (base e porzione distale) viene effettuato con il paziente in posizione supina comodamente disteso sul lettino. Per erogare gli impulsi sulle crura del pene, viene chiesto al paziente di flettere le ginocchia e divaricare le gambe.

Trattamento con onde d’ urto per disfunzione erettile: gli impulsi vengono somministrati tramite un manipolo sia sull’ asta del pene che sulle crura

 

Dopodichè, sollevando lo scroto, il manipolo viene applicato sul perineo, la zona anatomica compresa tra scroto ed ano. Le crura rappresentano la parte più prossimale dei corpi cavernosi che originano dalla porzione inferiore del pube (margine ischiatico).

Il trattamento è perfettamente indolore ed ha la durata di 10-15 minuti.

Presso lo Studio Uro-Andrologico Gallo disponiamo di un generatore di onde d’ urto di ultima generazione prodotto dalla Storz medical, azienda storica svizzera da sempre leader mondiale in questo settore della medicina. Grazie a  questa moderna apparecchiatura per onde d’urto è  possibile ottenere una precisa personalizzazione del trattamento, selezionando sia la quantità di energia da erogare sia la profondità del fuoco. Le aree profonde possono essere trattate senza difficoltà, in quanto l’ampia zona focale permette di accedere agevolmente e con elevata precisione al tessuto bersaglio. Grazie a queste caratteristiche tecniche, il trattamento è più facile rispetto ad altri tipi di apparecchiature, poiché la profondità del fuoco consente di applicare le onde d’urto solo su un lato del pene.

Manipolo per la somministrazione di onde d’ urto prodotto da Storz Medical. L’ uro-andrologo che esegue il trattamento può selezionare comodamente sia l’ energia da erogare sia la profondità del fuoco